Con la voce: LO SGUARDO

Nel percorso di vita dei nostri piccoli nascituri , abbiamo detto, abbiamo la possibilità di mettere la nostra voce a supporto del loro percorso di costituzione identitaria, che parte, naturalmente, dai confini del corpo, ancor prima e come fondamento, dei confini del sè.

Qui l’articolo sulla voce: La vostra voce: amarsi prima di vedersi 

Ora, dopo aver invitato alla vita il piccolo, grazie la vostra voce che farà, per lui, da filo conduttore profondo e inconscio, per tutta la vita..possiamo dire che a questa vostra competenza e abilità genitoriale si aggiunge la forza propulsiva e super stratificata dello SGUARDO.

Lo sguardo definisce:

  • delinea i confini del corpo
  • raccoglie gli ideali impliciti di chi osserva
  • offre sicurezza affettiva (o no) al bambino che si sente così sicuro di mettere distanza ed esplorare in sicurezza l’ambiente circostante.
  • permette la sintonizzazione affettiva (Stern)

Lo sguardo dell’adulto che guarda il bambino raccoglie, dunque, tutto il carico emotivo e immaginifico dell’adulto ma necessita anche di farsi spazio per diventare specchio del bambino stesso, modulando e controllando la quantità di “re-invii” che facciamo. E’ certamente importante che l’adulto guardi il bambino credendo in lui e nel suo futuro, raccogliendo anche dentro di sè tutte le aspettative e le speranze che nutre per e su di lui MA non deve dimenticare primariamente di far spazio al bambino reale che ha davanti e lasciare che nasca, cresca e si formi nella sua inclinazione identitaria…come? Facendo anche un lavoro importante su di sè.

 

Insieme allo sguardo ci sono, ovviamente, anche le parole che sono un passo ancora ulteriore, diverse dalla voce, diverse dallo sguardo: i primi due definenti ma indefiniti nella loro struttura fisiologica, le parole, invece, confinanti e confinate. Ma ne parleremo…

 

Vi suggerisco alcuni albi dei quali magari ho già parlato ed altri, nuovi, in cui questo sguardo ha esattamente il senso che vi ho descritto qui sopra.

Nino: al bambino che siamo.  

Bambino: un mondo da conoscere

Non è una scatola

Il fatto è – Capitombolo

Chiedimi cosa mi piace 

Vi cito anche Grande gatto Piccolo gatto edito Minibombo –> Grande Gatto Piccolo Gatto

 

Vorrei riferirmi un attimo al processo di separazione individuazione di Mhaler e al concetto di sintonizzazione affettiva il cui maggior rappresentante è Stern ma che, con nomi diversi, concetti simili, percorre tutta la psicoanalisi..

Vorrei provaste un attimo a seguirmi in questa immagine…

Pensate ad una stanza di nido, (o al vostro salotto di casa) e immaginate l’adulto educatore attento seduto a terra. L’atteggiamento interiore di questo professionista dell’educazione (se siete genitori siete esenti dalle mie feroci critiche…voi siete maggiormente coinvolti!! Amate i vostri figli con tutti voi stessi…e sarete perfetti. Gli educatori, invece, hanno il dovere di porsi come proposte educanti in grado di discernere dentro di sè le parti personali da quelle professionali. Sono figure formate, preparate alle quali richiedo tanto! Tanta attenzione, tanta preparazione e lavoro su di sè!)

dicevo…l’atteggiamento…chi si occupa di educazione ha l’arduo compito di porsi come proposta- modello propulsivo e positivo: dico questo perchè incontriamo tutti i giorni bambini e bambine, ragazzi e ragazze, che provengono da famiglie difficili, complesse, frastagliate e frantumate….i cosiddetti (termine che ODIO) “casi difficili”, ossia tutta quella fetta di infanzia che non ha famiglie “sufficientemente buone” (detto nel senso di Winnicott sia chiaro), che ha una vita frantumata che ha bisogno di qualcuno, in un contesto sano, che si proponga come modello, come specchio che rimandi possibilità positive e non – vi prego e NON – etichette preformanti.

Questo l’atteggiamento che – scusatemi – pretendo da voi educatori…lavorate le vostre difficoltà, i vostri preconcetti…fate formazione, studiate, parlatene con adulti competenti…ma quando vi sedete a terra a guardare i bambini per i quali lavorate ponetevi con quell’atteggiamento interno che si fa spazio al loro potenziale, a quello che ancora nemmeno loro vedono. E’ importante che crediate in loro, in ognuno di loro. e questo è solo il primo passo ma è grandissimo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Cosa accade in questo albo?

Questo adulto – supponiamo sia il babbo – lascia alla bambina lo spazio di azione necessario, ancor prima di analizzare le parole…possiamo guardare la prossemica, lo spazio, il modo di porsi…che ci dice molto su “Che cos’è un bambino” per questo adulto.

Lo sguardo è sempre con… accompagna. Non è mai un’azione su, sopra.

E’ lo sguardo che si sintonizza affettivamente con il potenziale della bambina la quale, sintonizzata a sua volta, ne coglie la fiducia e si sente libera di esplorare.

 

Torniamo all’immagine che, tergiversando vi proponevo…l’educatore seduto a terra in una tranquilla mattina novembrina in una sezione di nido. Gli inserimenti sono finiti…la fiducia di base con i genitori e i bambini si è impiantata e va ora costituita, affermata…

l’educatore seduto con questo spazio interno, aperto a sorprendersi, guarda i bambini muoversi nella stanza…ad alcuni serve tempo per sentirsi sicuri e allontanarsi un pò, altri sono già sicuri ma tutti, tutti, uno ad uno, hanno bisogno che l’educatore sia esattamente lì con quell’atteggiamento interiore a credere in loro…

Quella sicurezza permette ai bambini di mettere le basi per la propria autonomia. Mahler ci descrive questo percorso interno di fiducia in modo magistrale. Autori poi come Bowlby, Spitz, Winnicott e Bion completano il quadro raccontandci come la capacità dell’adulto di credere e sostenere il potenziale interno del bambino permette a questo potenziale di emergere e al bambino di individuarsi (di farsi persona).

Il babbo di “Chiedimi cosa mi piace” sia nei fatti che nelle parole non si sostituisce mai alla bambina, anzi, il suo modo operativo è simile a quanto descritto nell’immagine che vi ho proposto: un passo indietro, in attenta osservazione accogliente di curiosità e bisogni della bambina, favorente l’esplorazione e la scoperta.

Fiducia la parola chiave: in se stessi come educatori sostenenti e nei bambini persone autonome e ricche.

La grande quantità di albi che ci vengono proposti, negli ultimi anni, con questo “intendere l’atteggiamento adulto” e “l’essere bambino” sono tantissimi: penso anche solo ai libri interattivi di Tullet Hervé, ultimo arrivato “Un libro che fa dei suoni” l’evoluzione 2017, impossibile non cantarla e suonarla,  di Un libro.

9788857013015_0_0_0_75

Sono albi che danno al bambino la percezione di competenza che vogliamo trasmettergli,

albi che gli narrano che crediamo in lui e nel suo “saper e poter fare”, senza lezioncine preconfezionate o didattiche..

Penso a Apri bene gli occhi, a tutta la produzione di il Castoro con Reginald e Tina e a tutti gli albi che in questo blog trovate qua e là citati. Nessuno escluso (vi pare che citerei qualcosa che non includa quest’ottica?! 😉

Diffidate dagli albi didattici, pronti all’uso, che trattano la manutenzione dei bambini (come togliere ciucci, pannolini…), e che ingabbiano il bambino in una visione di sè ubbidiente, statica e sottomessa. Fateci caso…

Non solo alle parole…ma anche e soprattutto allo sguardo.

Lo sguardo, lo avrete capito, deve aprire possibilità mai chiuderle, deve tenere dentro  il possibile, lo spazio transizionale dell’altro e farlo con una fiducia incondizionata.

Va oltre il guardare, è un osservare ed osservarsi, è denso di emozioni ma anche controllato e modulato, è un dialogo di fiducia ancor prima delle parole.

Siate l’educatore ideale di voi stessi…e per qualcuno –>  Un pentolino, un bambino e l’educazione ideale.

 

NB= l’immagine in evidenza è presa da Mamme ed. Rizzoli.

Annunci

Nino: al bambino che siamo. 

Questo albo mi commuove sempre.
E spero davvero faccia lo stesso effetto a tutti coloro che si occupano di educazione…confido in voi, e soprattutto nella connessione tra il vostro bambino interno e loro, coloro di cui vi occupate.

E’ un libro prezioso perchè offre spunti di riflessione profonda per adulti interessati a comprendere, scoprire e conoscere il mondo dell’infanzia…a stupirsi anche della meravigliosa complessità e profondità oltre che dalle competenze spesso sottovalutate di questi piccoli esseri appane affacciati alla vita.

Trovate qui il sito dedicato: Nino

Nino è un piccolo esserino piombato da non-si-sa-dove…

apre domande e curiosità: da dove è venuto? Dov’era prima? Domande che, volendo, possiamo offrire ai bambini…che possiamo anche alvorare in un gruppo sulla genitorialità…e sul mondo della genitorialità adottiva….

L’albo prosegue descrivendo le diverse caratteristiche e competenze del piccolo Nino…l’ironia è a portata di mano…e la sottigliezza con la quale Isol ci descrive le particolarità dei bambini è squisita:

Questo slideshow richiede JavaScript.

ci aiuta, da genitori, a riderci un pò su…a meglio tollerare le poche ore di sonno, le urla incomprensibili dei primi giorni…

Ma questo albo è prezioso perchè fa decisamente di più… e su questo vorrei soffermarmi:

  1. NINO REGISTRATORE

Nino vede e sente più di quanto sembra. E guardate che questa frase è profondissima e richiama a tutti gli studi di pedagogia, psicologia e chi più ne ha più ne metta. i bambini piccolissimi, in particolare quelli che ancora non “hanno parole”, hanno la capacità potentissima di 2assorbire l’umore dell’ambiente circostante” e di sentirlo. Gli educatori che lavorano con i cosiddetti lattanti, mettendosi in osservazione di se stessi e del clima classe, possono presto rendersi conto che se, malauguratamente, sono partiti nervosi da casa…con molte probabilità i più piccoli e sensibili gireranno loro facilmente alla larga o saranno “stranamente” nervosi. Questa annotazione è importantissima e andrebbe sempre tenuta a mente e ricordata anche da genitori…si tende a sottovalutare il bambino molto piccolo perchè, come ben ci ricorda il testo, ancora non comunica nella nostra lingua. Il fatto è che non è perchè non parlano che sono insensibili o sciocchi…solo non hanno ancora le nostre parole per dirlo (parole che acquisiscono appositamente per “venirci incontro”)

Stern ci parla di sintonizzazione affettiva, e vi assicuro che non è unidirezionale…anzi.

2. NINO SPECCHIO

Nino è uno specchio: un concetto psicoanalitico importantissimo e molto delicato. Le teorie ci insegnano principlamente che è l’adulto che si offre come contenitore (Winnicott) e traduttore (Bion) dell’esperienza del bambino, traducendo in espressioni e parole quanto il bambino sta vivendo, facendosi dunque specchio riflettente e riflessivo, evitando di mettere contributo troppo personale (farsi spazio e fare spazio alla possibilità del bambino di riflettersi) Per es: “ma come sei sorridente sembri felice” sorridendo…ecc

Questo albo ci offre la possibilità di cambiare punto di vista e di approfondire, prendere meglio coscienza, con un linguaggio immediato e diretto come quello di queste poche parole e delle illustrazioni, di una qualità dei bambini.

Visto che, come ci spiega poco sopra, i Nino sono in grado di registrare le emozioni che si muovono nell’ambiente circostante (per così dire di pancia, quindi ad un livello non consapevole e cognitivo ma di “vissuto non pensato” Racalbuto) sono anche in grado di riflettere al caregiver quanto lui stesso porta nella relazione,non solo di accorgersene ma anche di rimandarlo. Per farvi un esempio semplice ed anche un pò superficiale: avete mai provato a “guardare brutto” un piccolo? Probabilmente, anche se sorridente, a poco a poco cambierà espressione “ripetendo” la vostra. Ecco possiamo pensare che questa sia un’adesione “semplicemente estetica” all’emozione dell’altro ma, se riflettiamo su quanto il piccolo sente, su quanto noi mettiamo emotivamente in circolo, possiamo capire anche quanto sia possibile, in una relazione affettivamente importante tra adulti e bambini, rispecchiarsi vicendevolmente.

Stiamoci dunque attenti, abbiamo davanti dei registratori emotivi che non sono ancora in grado, per conformazione e sviluppo, di tradurre in pensieri logici, razionali, cognitivamente rassicuranti quanto stanno sentendo. E’ come se registrassero tutto senza poter dare una categorizzazione ed un senso. Insomma come scottarsi la mano, sentirne il dolore ma non saper capire la fonte.

Compito dunque di noi adulti, TUTTI, è di fare un lavoro su noi stessi prima ancora di metterci in relazione e nel mentre, durante. Di, continuamente, porsi in osservazione ma anche e soprattutto in auto osservazione così da poter distinguere e dare senso alle varie emozioni che inviamo e riceviamo.

 

Lo so che è difficilissimo ma facciamolo per loro, è nostra responsabilità.

Mi raccomando eh??

Chiedimi cosa mi piace

Chiedimi cosa mi piace.
Terre di mezzo edizioni

Con le splendide illustrazioni di Suzy Lee e il testo lieve e potente di Bernard Waber.

img_5419

Se cercate un libro sull’autunno bhe…mi dispiace deludervi, ma non è questo.
No. Disapprovo totalmente il processo che ha portato all’appiattimento di significati che questo albo contiene.
Questo libro non parla di autunno,
nemmeno lontanamente.
certo certo ci sono le foglie che cadono,
le persone che passeggiano e si stendono sul rosso tappeto
e il vento e gli animaletti…

Ma No. Non possiamo definirlo un libro sull’autunno senza così privarlo della sua magnifica ricchezza.

Questo albo si presta a parlare di tanto,
certamente anche (scusate – banalmente) di autunno.
ma contiene in se, a mio avviso,
soprattutto una finestra sulla relazione tra adulto e bambino
e tratta questo tema in modo davvero profondo e delicato
e forse anche insolito.

Dico insolito perchè in questo albo è la bambina protagonista a guidare l’adulto alle domande, a guidarlo ad uno sguardo attento e ricco, complesso nel suo approcciarsi ai dettagli..alla funzione delle cose, ai nomi e alle caratteristiche, anche emotive, degli oggetti inanimati ed animati del mondo..

img_5416
È sempre la bambina che, prendendo per mano l’adulto, lo conduce, a piccoli passi, dentro la sfera intima in cui ci si scopre capaci di grande passione e di amori, di creatività e domande.

E nel percorso riusciamo a respirare quanto sia profondo il legame tra questa bambina e l’adulto che con essa sa passeggiare leggero…

Un adulto che non risponde mai anticipando le domande, che cammina facendosi guidare, che sa di essere un punto importante senza per questo sovrastare o coprire con i propri desideri quelli della bambina. Un adulto che sa stare “al passo bambino” accompagnando alla crescita e alla conoscenza, favorendo la libera espressione della piccola.

Un adulto presente emotivamente e fisicamente che sa accogliere le fantasie creative della bambina e metterle in campo per far evolvere il dialogo.
(Il mio adulto ideale).

Troviamo al contempo una piccola curiosa, in movimento esplorativo, sicura della presenza dell’altro. Una presenza fatta della storia che li accomuna, fatta di un attaccamento sicuro che permette di essere liberi sotto sguardo attento, fatta di conoscenza reciproca leggera, frizzante, autentica.

Insomma in questo albo troviamo i fondamenti del rapporto educante, affettivamente significativo, in cui l’adulto si fa condurre nel mondo dallo sguardo bambino per poter essere pilastro di riferimento, mano che accompagna, contenitore e rilancio di domande e mai di risposte se non quella, la più importante, “lo so, sono qui, non me ne dimenticherò”…come a dire “ci sono. Ci sono sempre stato e ci saró ancora”.

Ho scelto di non descriverlo nei dettagli, ho voglia di lasciarvelo scoprire o riscoprire (se lo avevate comprato SOLO per un progetto sull’autunno!).

Ottimo strumento sia per adulti-educatori (da educere: condurre fuori, cioè persone che permettano il naturale e creativo esprimersi del potenziale di ognuno) — genitori compresi quindi!!
ed
ottimo albo per una lettura intima ai propri figli, pieno com’è di amore reciproco.

Mi piacerebbe ora proporvi dei “mini-approfondimenti” su alcuni dettagli:

  • tutto l’albo è attraversato dalla meraviglia della scoperta ed in questo percorso i ruoli adulto- bambina sono da prendere a modello non solo nella vita familiare ma anche in quella scolastica, fin dal nido: la bambina si muove autonomamente nello spazio, sotto lo sguardo attento dell’adulto che sta fisicamente sempre ad una certa distanza, senza mai intervenire se non quando richiesto o per enfatizzare un’annotazione della bambina stessa (per esempio quando la bambina parla della sua passione per le storie di orsi). L’adulto quindi gioca un ruolo importantissimo lasciando che la bambina esplori l’ambiente, approfondendo dettagli e curiosità, senza interferire ma anzi enfatizzando e sostenendo.
  • proseguendo vorrei farvi notare quante finestre di approfondimento scientifico si aprono, e non è l’adulto ad introdurle. Ragion per cui…ci è possibile pensare di metterci nella condizione sopra descritta e accogliere, raccogliere e rilanciare gli spunti che vengono dai bambini? Per esempio il passaggio sulle rane (che non solo nuotano, ma anche saltano, o sulle api…)

    Questo slideshow richiede JavaScript.

  • ancora…possiamo notare come la libera esplorazione porti ad una narrazione densa di collegamenti tra presente-passato-futuro? E non solo!! La mente della bambina si muove su diversi piani di realtà: quello della fantasia, quello del vissuto presente e passato, quello del desiderio e quello del sapere
  • l’albo offre ancora altri dettagli interessanti–> per esempio tutto il “lavoro” sulla memoria affettiva condivisa: ho coniato questo ensemble di termini per dire…che la bambina nel dire “ti ricordi” “lo so che lo sai…” si riferisce alla certezza interna della presenza emotiva dell’adulto e della sua conoscenza di fatti rilevanti vissuti insieme. La bambina sa (in senso imperativo interno) non solo che l’adulto che è con lei sa quello a cui lei si riferisce, ma dimostra di avere anche sicurezza dell’affetto che la tiene legata a questa persona.
  • una nota particolare va fatta al rapporto narrativo in cui ognuno lascia che l’altro racconti, faccia ipotesi e le condivida. Bellissimo il punto in cui la bambina dice “volevo lo raccontassi tu” pur sapendo rispondere alla domanda e avendo competenza scientifica sul tema, come a dire che alcune cose hanno bisogno della voce dell’adulto per essere ritradotte, conosciute di nuovo, insieme. (e su questo Bion – funzione alfa, Winnicot, Mhaler e diversi autori a stampo psicoanalitico hanno lavorato tantissimo per introdurre il concetto di Adulto come colui che si fa carico di tradurre in modo comprensibile e digeribile il reale di cui il bambino fa esperienza. Trovare parole è un dar senso, contenendo l’esperienza e donandole forma).

    Questo slideshow richiede JavaScript.

  • ed ancora…le illustrazioni. Suzy Lee mi stupisce e meraviglia sempre…bisogna osservare ogni pagina per scovare la ricchezza di dettagli e particolari di cui Suzy ci rende partecipi…avvicinandoci con occhio attento…incontriamo microstorie parallele che si attivano e realizzano all’interno di ogni pagina, in parallelo e in contemporanea al filone principale… La mamma che porta le foglie al bambino sul passeggino, il piccolo cane che tira così forte il guinzaglio da costringere la ragazza ad affannarsi, l’uomo dei gelati e dei palloncini (e la citazione – voluta o meno – a “L’uomo dei palloncini“mi sembra sublime), le foglie sul letto e sul pavimento della cameretta della bambina (filo rosso di memoria, continuità tra dentro e fuori…)… Amo, amo questa scelta…perdermi nei dettagli, scovarne di nuovi ad ogni lettura…

 

e tanto tanto altro…sì anche l’autunno…che colori, e i rumori? sembra di sentirli…quando i due protagonisti si stendono sul tappeto di foglie e il fruscio lieve delle foglie che scivolano tra le mani della mamma, e il crepitio di quelle che si rompono sotto i passi frettolosi del cagnolino…

Un albo imperdibile, lo avete capito?

😉