Per amore: un po’ di me. 

Perchè leggere?
Abbiamo risposto milioni di volte…dico abbiamo perchè molto prima di me e delle mie “teorie” …sia Nati per leggere sia neuroscienziati e pediatri si sono lungamente espressi…

Ma sul perchè IO leggo…mai nessuno ha detto tanto come la mia mente stamane mentre riordinavo in fila la mini nuova collezione di casa, appena resa tale da Babbo Natale e Befana ma soprattutto dalla passione incondizionata di mia figlia (e solo successivamente mia, dico davvero!) per Dahl.img_7540-1

 

Mi sono trovata davanti a questa preziosità e d’un colpo piccola, precipitata ai piedi dell’unica libreria di casa, in camera mia, a tre mensole dall’unica possibilità di lettura disponibile oltre alla gazzetta e al Il mattino: l’enciclopedia “i quindici”.

Bordatura rossa con piccola riga nera e numero color oro.

In casa mia nessuno leggeva per me.
Mia madre malata, stesa sul divano, si dedicava, sempre meno, ad Harmony,
mio padre allo sport e alla politica.

Erano buoni genitori.

Ma non erano i cosiddetti “Nati per leggere”.

Ognuno, in casa, leggeva quello che gradiva.

Non io.

Che appena imparato a leggere mi ritrovavo a salire sulle mensole per raggiungere l’unico volume dei quindici dotato di immagini con scritte filastrocche che sapevo ormai a memoria.

Le storie in casa mi si raccontavano: alcune erano fatte di silenzi profondi, altre della voce calda e lenta della mia nonna materna che mi aspettava per i riposi pomeridiani, nel lettone, solo per raccontarmi favole ad occhi aperti.

Ecco…mi ricordo la sete che avevo di lettura, di libri, di conoscere altri spazi oltre a quelli di quelle tre mensole…ricordo così bene quella sensazione di bisogno che, non appena potei comprare da sola i libri,..non smisi piu.
All’inizio erano libri che l’insegnante ci consigliava per le vacanze, poi divenni cosi autonoma da sedare il bisogno ogni volta che esso si ripresentava (spesso) raggiungendo biblioteche e, sempre volentieri, librerie.

Ecco alcune immagini della nostra “raccolta”:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Perchè leggo?

E soprattutto perchè LE leggo?

Per amore dunque.
Perchè amo pensarmi raggiungere sempre nuove mensole, in cui la sete derivi da desiderio di sempre nuovo e non da senso di privazione.
Perchè amo vederla con quei suoi occhi grandi desiderare nuove pagine, nuove strade, nuove possibili storie…

Perchè ai piedi di quello scaffale,

Con i quindici schierati davanti,

Per anni sentii uno strano bisogno

Di cose buone…

Di libri di qualità, che non mi ha mai più abbandonata.

 

 

Per approfondire con gli articoli dei quali vi parlavo:

http://www.fanoperbambini.it/web/category/rubriche/dillo_con_un_libro/

Annunci

…non solo blog

Vi propongo qui il link ad un articolo scritto in collaborazione con la responsabile dei servizi bibliotecari della città nella quale lavoro…
grazie a Livia e al suo sito abbiamo aperto una rubrica: DILLO CON UN LIBRO della quale vado davvero tanto fiera.

Buona lettura!! 

Libri come ponti: http://www.fanoperbambini.it/web/dillo-con-un-libro-le-parole-come-ponte-emotivo/

Rimanete aggiornati!!