Lo 0-6 questo sconosciuto.

Una collega pedagogista mi ha chiesto di scrivere un articolo su questo misterioso tema attualissimo e ricco di insidie e resistenze…

Quello che mi propongo qui di fare non è quello di prendere parte alle varie tensioni e polemiche ma di cercare di suggerire modalità attuative pratiche nel “qui e adesso”…che non è esattamente “lo zerosei di domani”. Questo perchè in pochissimi in Italia, credo, siamo pronti ad applicare questo innovativo sistema..non perchè, come spesso si dice, non abbiamo gli spazi ma perchè ancora non ce l’abbiamo in testa.

Dunque penso ai servizi dei quali mi occupo e provo a lanciare degli spunti, anche facendo riferimenti a qualcosa di già in atto…in fieri, boccioli lavorabili potenzialmente anche in modo molto più complesso.

Esiste per esempio la possibilità di ragionare sugli spazi e sui materiali utilizzabili in comune? E’ possibile iniziare da qui…senza smuovere in modo prepotente equipe di lavoro che ancora non sono pronte e nemmeno noi sappiamo ancora adeguatamente supportare?

Penso alla possibilità di progettare insieme utilizzando strumenti come albi e silent book. Per esempio questi ultimi si aprono ad un lavoro infinito con i bambini di ogni fascia di età (anche con gli adulti).

so che quello che vado a proporre farà storcere un pò il naso agli “zerosei convinti”…ma credo sia necessario anche lavorare per gradi, avvicinarsi piano alla costruzione di un cambiamento che necessita di una ristrutturazione prima interna e poi globale. Pensiamo solo al diverso “concetto di bambino di 3 anni” che si attua tra nido e infanzia. Non è lo stesso bambino quello verso cui pretendiamo un rapporto 1:7 al nido rispetto a quello che si trova inserito, all’infanzia, ad 1.25?

Dunque..vado ad illustrarvi la mia VISIONE (e di tale si tratta essendo frutto della fantasia mescolata ad un pizzico di sperimentazione sul reale in isole felici dove personale di nidi e/o raccordo collabora in modo profiquo con quello dell’infanzia…che già è molto):

  • immagino il personale di nido ed infanzia, ad inizio anno, che si incontra per riflettere, ragionare e lavorare sulla strutturazione degli spazi, la disposizione dei mobili, l’uso comune di aree più o meno ampie della struttura.
  • immagino che ci si dedichi poi all’ambientamento dei nuovi iscritti e ci si metta in osservazione dei bambini, riflettendo, nei collettivi, sull’uso degli spazi, sugli indirizzi progettuali possibili.
  • questa riflessione continua deve, a mio avviso, portare il personale a rivedere l’organizzazione degli spazi inizialmente pensata, a formulare proposte operative con organizzazione di angoli dedicati a materiali vari con obiettivi specifici in funzione delle osservazioni.(verifica in itinere)

Si può scegliere, se questo facilita, di utilizzare un tema guida per accompagnare adulti e bambini a muoversi all’interno della struttura e delle proposte, per ritrovare un filo conduttore di stanza in stanza, un tema comune tra tutti i bambini, un contenitore creativo ricco di stimoli dal quale pescare per offrire nuovi slanci ai bambini…

penso ad albi come:

–> Non è una scatola (di cui vi ho già parlato qui: Bambino: un mondo da conoscere e qui Non è una scatola a scuola )utilissimo strumento adatto ad ogni fascia di età e a tutti i bambini anche con difficoltà. Si parla di affrontare il tema della fantasia creativa dei bambini offrendo loro un materiale poco strutturato come lo scatolone e osservarli nelle trasformazioni che vengono loro in mente. Ci stupiranno!! L’approccio al materiale è ragionevolmente diverso in funzione dell’età del bambino che vi si avvicina e del lavoro che l’educatore è in grado di sostenere insieme al bambino (e dovrebbe essere in grado di sostenerlo tutto a mio avviso) ma l’offerta base è la stessa. Per esempio svuotiamo la scuola da giocattoli di ogni genere e inseriamo scatole e scatoloni di ogni misura. In un angolo lasciamo a disposizione fogli, colori, scotch, forbici, stoffe… e rimaniamo ad osservare.

–> L’onda di Suzy Lee intrammontabile, magico, sempre creativo, flessibile agli usi più disparati…disposto anche a farsi musicare, narrare, rappresentare, maltrattare un pò tra le onde – vere – del mare.

Questo slideshow richiede JavaScript.

–> Flashlight una scoperta, adottabile anche dalle pedagogiste come Laura Malavasi per mettere i puntini sulle i sulle modalità documentative e di osservazione (ossia…vediamo quello che illuminiamo…non tutto). Diamo in mano ai bambini una torcia, una lente di ingrandimento, dei binocoli…e scopriremo quante cose vedono loro (che noi spesso nemmeno notiamo!!). Creiamo per loro angoli da scoprire, accompagnamoli nei micro e macromondi intorno a noi (in giardino, in città, tra i sassi, tra l’erba, in un bosco…a naso in sù verso il cielo…) invitiamoli a fotografare, illustrare, creare mappe…

Questo slideshow richiede JavaScript.

 Potrei continuare all’infinito…con esempi e collegamenti tra uno e l’altro albo e tema..

per esempio il tema della NATURA può essere declinato in un milione di modi: i colori della natura, le trasformazioni in natura, le stagioni, i semi e i loro viaggi, la crescita, la morte (?! si parla di questo a scuola ?! apriamo capitoli eh!), le foglie, gli animali, le case/rifugio, le radici…ecc…

E su questi temi se ne aprono tanti tantissimi di molto profondi, filosofici, sul senso della vita per esempio, o sulle caratteristiche personali (con tutto il lavoro sul corpo e sul sè che i bambini fanno e che nelle scuole si fa), si aprono campi di sperimentazione manipolativa e pedipolativa oltre che simbolico immaginativa…si può parlare della casa, del rifugio, dell’ideale per noi, del reale, del fantastico…si possono raccontare storie di animali (e anche e quindi di persone, di bambini..) evidenziando qualità, differenze, somiglianze…nei modi di vivere, nelle famiglie, nelle impronte, nei cibi che mangiano, nel colore della pelliccia….ahhh quante ce ne sono di idee eh?!

Mi fa impazzire…e profondamente addolorare quando sento le maestre che dicono “fai il disegno della tua famiglia” come se questa fosse la cosa più banale del mondo. E inserisco qui questa non-parentesi perchè penso che basterebbe parlare d’altro (che altro non è) e lasciare parola ai bambini…parola ascoltata ed accolta con interesse, per far emergere racconti, disegni, immagini di quello che è per loro la famiglia, per loro il senso di affetto…

perchè, sapete, entrare nella vita e nel cuore di un bambino è “cosa” assai delicata, potente e importante. I bambini si fidano e si affidano in modo assoluto ed incondizionato…e noi dovremmo entrare nel loro mondo quasi volando basso…in punta leggerissima di piedi. Senza commenti, solo pronti allo stupore, alla meraviglia…e anche a farci male. Sì perchè le ferite dei bambini sono talmente reali, tangibili e forti che vanno a toccare le nostre (e anche qui avrei da parlarvi molto sulla mia idea sugli orrori che avvengono nelle scuole!),

E allora…perchè non iniziamo, per esempio, a prendere Albero di Iela Mari…e a notare che in alcune pagine ci sono nidi in costruzione, nidi vuoti, tane e rifugi di diversi tipi…e aggiungiamo a questo enciclopedie, filmati, osservazioni su animali veri e le loro case, e ci abbiniamo poi l’albo  Rifugi e via così…?!

Mi sono dilungata….

Spendo una parola per gli INVENTARI: li trovo strumenti splendidi, ricchissimi di spunti, enciclopedie a portata di bambino, bambina, insegnante…e credo fermamente che ogni bambino dovrebbe crearne di propri…raccogliere esplorare seriare osservare copiare…insomma…basterebbe uno solo di questi albi illustrati per creare meravigliosi percorsi nelle scuole da 0 a mille anni!

Questo slideshow richiede JavaScript.

E ricordo la potenza impattante e diretta che hanno le immagini per adulti e anche e soprattutto per i bambini quindi vi suggerisco sia di scegliere accuratamente albi illustrati di qualità sia di utilizzare ed acquistare per i vostri progetti a scuola e per i bambini lo strumento della fotografia, ci sono tantissimi LIBRI FOTOGRAFICI ben fatti che io utilizzo continuamente (amo quelli della Ippocampo e di National Geographic oltre che a scegliermi quelli di alcuni fotografi che amo) e di fare anche foto.

questo perchè esiste una differenza tra illustrazione e foto…entrambe sono immagini ma hanno impatto uso e funzioni diverse sia per i progetti educativi che per l’occhio dei bambini che le osservano…Interessante anche far fare ai bambini foto ed illustrazioni di quanto hanno osservato e raccolto…insomma..gli educatori sapranno certamente sbizzarrirsi più di me..e i bambini vi stupiranno…stupiscono sempre…per la loro capacità immaginativa e creativa…!!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Dunque…mi vengono in mente troppe cose da dirvi, troppi albi da suggerirvi,..ve ne propongo qui sotto una selezione…tra pop up, silent ed albi veri e propri…cercando di suggerirvi soltanto e a bassa voce possibili percorsi…

Potrei scrivere pagine e pagine e finirei con l’annoiarvi e con scrivervi io i progetti eh eh quindi…attendo da voi spunti, domande, suggerimenti…e che questo zero-sei abbia inizio!!! Aprite le porte delle sezioni, organizzate spazi, angoli di interesse, aree con materiali di qualità selezionati e ben pensati e mettetevi ad osservare i meravigliosi bambini con i quali avete l’onore di lavorare!!

Buon lavoro carissimi educatori ed insegnanti…

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Ma ATTENZIONE: non è assolutamente mia intenzione suggerire di fissarsi con un solo strumento e di un solo tipo…anzi! Il mio suggerimento è quello di – se ne avete bisogno – scegliere uno strumento base che vi faccia da filo conduttore tematico e a quello di agganciare la complessità e la diversità di tanti altri strumenti e materiali. Non solo albi (e si sa un albo tira l’altro…e potrei dirvi che quelli sopra elencati possono benissimo collegarsi…) ma anche materiali diversi e stili documentativi differenti!! Se vi servono esempi…posso scriverne, parliamone, contattatemi: featherstonejblog@gmail.com

Mi trovate anche su FB: Pagina FB di FeatherstoneJ

 

 

Qui alcuni spunti di riflessione: Zerosei

Interessante approfondimento: Anna Bondioli

Annunci

Un pensiero su “Lo 0-6 questo sconosciuto.

  1. Pingback: Non è una scatola – Featherstonej

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...