Bambino: un mondo da conoscere

copertina_che_cos_bambino_hi

Che cos’è un bambino?

Beatrice Alemagna risponde magistralmente: “è una persona piccola”

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Potrei chiudere qui questo intervento…sottolineando, mettendo in evidenza, proponendo una gigantografia della parola “PERSONA”… ma pare non bastare mai…

ci si dimentica spesso di considerare i bambini e le bambine come persone quindi dotate di capacità, potenzialità, autonomiee e limiti (ovviamente, come tutti). Ci si dimentica adirittura di considerarli speciali uno ad uno e li si mette tutti nel calderone “infanzia” come se non esistessero differenze, sfumature, particolarità. Come se, anche banalmente, un bambino di 3 mesi nato al nord Italia da famiglia benestante in pieno centro città fosse uguale ad uno di 10 anni emigrato con la propria famiglia da un paese di guerra, o ad un altro di 4 settimane nato in Svezia.. Come se esistesse al mondo una persona uguale ad un’altra.

Quello che mi preme dire è che i bambini e le bambine vanno osservati, va loro dato spazio di parola, di espressione creativa, di movimento nel pieno rispetto dei loro ritmi…e non perchè la fretta al mondo non esista e ci si debba sentire adulti tremendi se al mattino, per andare a scuola e lavoro, si corre più del solito sulle routine. Non è questo il concetto…

Questo slideshow richiede JavaScript.

L’idea è che se facciamo un passo indietro e li guardiamo…allora possiamo davvero comprendere il loro potenziale e predisporci per favorirne la massima espressione.

La psico-pedagogia, a partire da menti geniali come Montessori, Vygotskij, Chokler, Pikler, Mhaler, Goldschmied, Munari (…),  ricorda agli educatori che il loro ruolo è quello di muoversi, per così dire, nell’ “area prossimale dello sviluppo” intuendo, osservando, il potenziale del bambino, annotandone limiti e difficoltà così da preparare un ambiente idoneo affinchè le potenzialità del bambino vengano messe nelle condizioni di svilupparsi ed esprimersi. Si sottolinea, insomma, che il ruolo dell’adulto è quello del regista che osserva, prende in esame le condizioni iniziali da cui partire per predisporre il set all’interno del quale il vero protagonista, la persona bambino, possa muoversi, incontrando sfide evolutive a lui adeguate, sempre leggermente sopra le sue aspettative così da essere propulsive, motivo di esplorazione, scoperta e meraviglia per il bambino.

Il fatto è…

Questo slideshow richiede JavaScript.

…che nessuno può far nuotare una paperetta se non è lei a sentirsi pronta per un tuffo…nemmeno il lupo in persona!! (qui la recensione Il fatto è – Capitombolo )

Cosa possiamo fare allora ?

Metterci in ascolto.

I bambini sanno indicarci la strada dei loro bisogni. Ci basta considerarli degli ottimi interlocutori per accorgercene..

Tutto da me, un albo particolare grazie ad una “straordinaria combinazione di disegno e fotografia” , ce lo ricorda…”William Wondriska cattura con un tono leggero e spensierato l’emozione indescrivibile di un bambino nel fare una cosa “da solo”. ..Fra realtà e immaginazione, All by myself è stato fra i primi libri per bambini ad utilizzare al suo interno immagini fotografiche. Qui sono accostate alle esuberanti illustrazioni in vivo arancione grazie ad un’impaginazione dolce e curiosa, che accompagna la musicalità del testo” (cit. da http://www.corraini.com/it/catalogo/scheda_libro/421/Tutto-da-me)

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nell’introduzione del prezioso libro di Agnès Szanto-Feder, L’osservazione del movimento nel bambino. Accompagnare lo sviluppo psico-motorio nella prima infanzia, Erikson, 2014, Emanuela Cocever presenta Emmi Pikler dice “Pikler vede in un neonato che si muove un soggetto impegnato in un’opera allo stesso tempo interna ed esterna, vede in atto, non solo in potenza, lo stesso lavorio  che si esprimerà, in seguito, con altri mezzi. […] Fin dalla nascita un bambino ha la capacità di attenzione e di azione, e tanto più accresce le sue capacità quanto più sperimenta il fatto che i suoi tentativi sono efficaci, sono accolti nell’ambiente e lo modificano. Qualsiasi adulto, anche il più sperimentato, non ha tutto quello che gli serve per lavorare con i bambini, ha bisogno di imparare da ogni nuovo bambino, e l’attività di un bambino che si muove di sua inizativa è la guida sicura per un adulto che voglia imparare”

Il punto di vista della moderna pedagogia quindi ci porta a guardare la persona bambino con un occhio molto attento, senza pregiudizio, considerando il suo comportamento come un indicatore del lavorio interno che sta compiendo e del suo potenziale. Il nostro osservare senza intervento dall’alto, senza forzature nè precostituzioni predefinite, permette al bambino di esprimersi in un ambiente percepito come accogliente e favorevole.

Non è una scatola, Celeste Combinaguai, Il punto, Se io fossi…, Io sono un artista, e tantissimi altri che mano a mano potremmo aggiungere, scoprire, citare… ci illustrano in modo assolutamente chiaro e prepotente quanto sia ricco e complesso (oltre che molto pensato!)  il gioco del bambino il quale mette in atto tutte le sue capacità immaginative e d’azione in un mix creativo spesso limitatamente comprensibile agli adulti!!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ci vengono in aiuto gli albi sopra citati per ricordarci e ricordare ai bambini che intuiamo e aprezziamo la loro ricchezza sempre in espansione. E possiamo continuamente sperimentare le loro abilità intuitive, progettuali, simboliche osservandoli nel loro agire ma anche colloquiando con loro, creando narrazioni su spunti di lettura… potrei raccontarvi il tantissimo lavoro che si fa all’interno di nidi e scuole dell’infanzia con gli albi illustrati e i silent book.

Si parte dalla lettura e si arriva alla creazione di ambientazioni, di storie, percorsi, di lavori progettati e costruiti dai bambini con la magistrale supervisione di educatori ed insegnanti sempre in continua formazione in collaborazione con il coordinatore pedagogico, i servizi bibliotecari e museali… insomma…stare al passo dei bambini e delle bambine è un lavorone..non lo sapete?!

Un esempio di quanto vi sto riportando lo trovate a questo link: No…non è una scatola!

 Che cos’è quindi un bambino?

Una persona unica e irripetibile.

Un mondo ricco e complesso.

Un interlocutore in grado di stimolare in noi crescita e cambiamento.

Non vi basta?

Guardate qui come ce lo presenta Settenove:

Io sono così — Premio Andersen 2015 —

http://www.settenove.it/articoli/io-sono-cosi/313

Questo slideshow richiede JavaScript.

Per concludere…vi suggerisco di sperimentarvi sia nell’osservazione attenta e non partecipata dei bambini che vi capita di frequentare e che avete l’onore di conoscere. Che siate i loro genitori o/e educatori.

Vi consiglio di leggere con loro, di darvi spazio di racconto e di scambio proponendovi alcuni suggerimenti che potete leggere qui: Libri come ponti

Spero questo primo percorso tematico vi sia utile…vorrei poterlo integrare, rinforzare, rimpolpare di suggerimenti quindi se ne avete scrivetemi!!

Io continuerò a metter in moto i miei neuroni !!

 

 

Bibliografia utile:

Celeste combinaguai – Yarlett Emma – Margherita edizioni

Che cos’è un bambino – Alemagna – Topipittori

Datemi tempo – Pikler

Il bambino è competente – Jesper Juul – Edizioni Feltrinelli

Il fatto è – Gek Tessaro – Lapis Edizioni

Il punto – Reynolds Peter H.- Ape Junior

Io sono un artista

Io sono così – Fulvia Dell’Innocenti – Settenove

L’osservazione del movimento nel bambino. Accompagnare lo sviluppo psico-motorio nella prima infanzia.  – Agnès Szanto-Feder – Erikson

Munari i libri

Persone da zero a tre anni – Goldschmied Elinor; Jackson Sonia – Junior Edizioni

Se io fossi il blu… – Sophie Fatus – Lapis

Si può – Guarenghi Sanna – Franco Cosimo Panini

Tutto da me – William Wondriska – Corraini Edizioni

Annunci

7 pensieri su “Bambino: un mondo da conoscere

  1. Pingback: Lo 0-6 questo sconosciuto. – Featherstonej

  2. Pingback: La vostra voce: amarsi prima di vedersi – Featherstonej

  3. Pingback: Non è una scatola – Featherstonej

  4. Pingback: Esploratori del mondo – Featherstonej

  5. Pingback: Il fatto è – Capitombolo – Featherstonej

  6. Pingback: Un pentolino, un bambino e l’educazione ideale. – Featherstonej

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...